IL PROGETTO “OPPORTUNITA’ PARI?”

Il progetto, tra i vincitori del bando indetto nel dicembre 2016 dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, coinvolge un’ampia rete di scuole (circa 1200 studenti), enti e associazioni di due regioni pilota (Veneto e Lazio), crea strumenti innovativi e prevede la partecipazione e presentazione pubblica ad eventi di portata nazionale e internazionale.

Al centro della metodologia di sensibilizzazione usata dal progetto c’è l’arte partecipativa. L’esperienza che si intende condividere è un’esperienza non contemplativa ma attiva che si compie nel momento stesso della sua fruizione ed è precisamente il gesto che viene proposto, richiesto che genera la consapevolezza.
L’elemento essenziale di formazione è quello di operare alla “pari” con gli studenti, formandoli e fornendo know how, dove necessario, accogliendo le loro proposte e le loro diverse forme di creatività – includendo tutte le forme d’arte, da quelle visive al teatro, dalla danza alla musica – anche attraverso una collaborazione sulle modalità di comunicazione e uso delle tecnologie.

Obiettivi del progetto

Obiettivo dell’intervento, coerentemente alle finalità del bando, è contribuire ad un progressivo recepimento ed applicazione, sul piano socio-culturale, del Piano d’Azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere attraverso “l’educazione alla parità e al rispetto delle differenze, in particolare per superare gli stereotipi che riguardano il ruolo sociale, la rappresentazione e il significato dell’essere donne e uomini, ragazze e ragazzi, bambine e bambini nel rispetto dell’identità di genere, culturale, religiosa, dell’orientamento sessuale, delle opinioni e dello status economico e sociale, sia attraverso la formazione del personale della scuola e dei docenti sia mediante l’inserimento di un approccio di genere nella pratica educativa e didattica”.

I partner del progetto

• L’associazione BEAWARENOW, associazione culturale con sede a Roma impegnata da anni sul tema della violenza di genere attraverso attività di sensibilizzazione pubblica ed educazione nelle scuole e nelle Università in Italia e all’estero, mediante la metodologia dell’arte partecipativa. L’Associazione ha ideato la proposta progettuale in accordo con la scuola capofila, coinvolgendo le altre realtà associative e le istituzioni scolastiche e universitarie.
• L’Università Ca’ Foscari di Venezia, Dipartimento di Economia che vanta una profonda expertise a livello nazionale e internazionale sui temi della Convenzione di Istanbul e potrà fornire i contenuti conoscitivi e culturali più adatti per la formazione di docenti e studenti.
• La Onlus Methexis di Roma promuove l’incontro tra cinema e formazione attraverso la realizzazione di rassegne tematiche e la visione guidata di film e documentari con l’obiettivo di avvicinare i giovani a temi di grande attualità come la tutela dei diritti umani e del dialogo interculturale.
• L’associazione Garçon di Civitavecchia, associazione di promozione sociale, antenna locale della piattaforma europea Eurodesk, formata da insegnanti, avvocati, operatori psico-sociali, impegnata da anni in attività educative e formative nelle scuole del territorio e in contesti di disagio giovanile (ad esempio nell’Istituto Penale Minorile di Casal del Marmo)

Prodotti finali

Saranno realizzati i seguenti prodotti:

• Spot video che avranno una durata standard di 60-90 sec. (formato video Quicktime full HD trasformato poi in mp4 per messa online sul sito).
• Un canale youtube che diventi contenitore di tutti gli spot e dei backstage considerati come approfondimenti che segua tutto il processo creativo.

BE AWARE OF SEX TRAFFICKING

PROGETTI IN CORSO

NEWS ED EVENTI

TESTIMONIANZE